CANTON "Amami"

25.03.2020

I Canton sono presenti nella colonna sonora degli italiani sin da quel 1984 che li ha visti sul palco del Festival di Sanremo con il 4° posto di 'Sonnambulismo'. Dopo è stata la volta di 'Please don't stay', brano pubblicato in tutta Europa, con il quale la band partecipa al Festivalbar '85 e grazie al quale conosce Pete Waterman, produttore di Dead or Alive, Bananarama, Rick Astley, Donna Summer, Kylie Minugue, Elton John e moltissimi altri artisti internazionali del gotha e del pop elettronico del tempo. Con lui è stato inciso 'Stay With Me', distribuito in Europa e Nord America.

Poi l'interruzione forzata del 1986, poiché l'etichetta cessa le produzioni, lasciando i Canton vincolati ad un contratto pluriennale.

Nel 2010 rientrano alla grande sulle scene, con un omaggio al loro primo successo, 'Sonnambulismo 2010' e subito viene ristabilito il contatto fra la band ed il pubblico.

Nasce così 'Ci saremo', l'album di debutto atteso da tanti anni, che riporta la musica del trio al presente, senza rimpianti e con ottimismo.

A questi eterni ragazzi del pop-rock infatti non sono mai venuti a mancare passione, coraggio, determinazione e soprattutto un sano e sincero rapporto con il loro pubblico.

Marcello Semeraro, frontman della band, confessa: "Abbiamo ricominciato umilmente dalla gavetta, a rifare la trafila della promozione, a scrivere... e la magia si è ricreata subito, le canzoni sono nate tutte in maniera molto naturale, nulla di forzato. Non è un'operazione nostalgica, non ci piace guardare indietro. Siamo semplicemente noi, i Canton nel presente!".

Molti i lavori e progetti, fino al 2018 con un nuovo grande obiettivo: il secondo album, dal titolo '1/3 - Uno su tre'.

L'opera prevede la pubblicazione di un singolo ogni tre mesi ed il percorso musicale vedrà il suo completamento nell'album la cui uscita è prevista a brevissimo. Ad oggi il disco ha già visto l'uscita di sei brani.

Un lavoro in divenire, poiché ogni tre mesi i Canton vanno in studio e si dedicano a ciascun pezzo come se fosse l'unico. Un modo di lavorare appreso dagli artisti americani, che la band trova molto stimolante, poiché tutte le energie vengono concentrate in un'unica direzione.

A fine 2019 è uscito 'Amami', dell'autore Marcello Semeraro, leader e cantante del gruppo, per l'etichetta Cuorinfiamme.

Il singolo è il sesto tassello del progetto '1/3 - Uno su tre'.

'Amami' è forse il brano a cui il cantante è più affezionato, poiché rappresenta il raggiungimento di un'importante consapevolezza in campo sentimentale.

Il tema è l'imperfezione nell'amare, rendendosene conto ma nonostante questo, perseverando nell'errore. Tratta di ciò che potremmo e dovremmo dare in una relazione ma non lo facciamo e cocciutamente continuiamo a sbagliare, erodendo il rapporto. L'importante però è accorgersene, prima o poi, ed avere il coraggio di riconoscere l'errore e chiedere perdono, ottenendo una seconda possibilità per poter continuare ad amare ed essere amati.

Il brano si suddivide in due sezioni, con strofe in italiano, che intimamente affrontano il tema dell'errore ed un ritornello in inglese, molto solare e corale, che invoca "amami e se puoi perdonami, io ci sarò sempre per te...".

La voce di Marcello, calda e profonda, interpreta alla perfezione i sentimenti che il testo vuole trasmettere.

Le sonorità si presentano con un ritmo incalzante, che tiene alta l'attenzione. La scelta strumentale accompagna il testo dando un importante valore aggiunto, senza mai prevalere, frutto di un'ineccepibile conoscenza maturata con anni di esperienza.

La copertina presenta un grosso cuore rosso in primo piano, con al centro un asterisco multicolore. Accanto il titolo 'Amami', anch'esso di colore rosso acceso.

Nel videoclip emerge chiara la dualità del sentimento. L'amore viene impersonificato da un angelo/diavolo, con ali e coda, che racconta una storia che si sviluppa fino alla redenzione finale, dopo una lotta continua con se stesso. Colpisce molto la scelta del bianco e nero che, insieme all'assenza di contestualizzazione, permette all'ascoltatore di concentrare l'attenzione sull'essenza del messaggio. Un bell'impatto visivo è dato dalle gocce di pioggia che compaiono alla fine del video, a rappresentare una sorta di 'depurazione' e redenzione.

Intervistare Marcello significa trovarsi faccia a faccia con la gioia di vivere e l'amore per la musica. Il suo sorriso spontaneo mette subito allegria ed il suo entusiasmo è davvero coinvolgente.

I Canton ancora una volta ci hanno saputo regalare un grande pezzo, un diamante da custodire con cura, in attesa di incastonarlo nella meraviglia finale!

Stefania Castino