“LA VITA DA CANE” DI MR DAILOM

02.08.2018

Nell'ultimo anno nella scena musicale si è creato ampio spazio dentro il genere Rap italiano, che ha portato all'inserimento di un sottogenere, noto come "trap" che è ormai diventato una moda.

Ma nella sua forma originale, nella sua sostanza, il rap,che nasce dalle strade disagiate di periferia, è uno stile di vita, un modo di vestirsi ma soprattutto di esprimersi e di solito scomodo, perché diretto,crudo, fin troppo sincero e spudorato: o lo si ama o lo si odia per la sua sincerità e sfrontatezza.

Il Rap è un urlo fatto di rime e freestyle che sovrasta le malelingue, è uno spiraglio a cui aggrapparsi per trovare una rivincita a tutti i torti subiti: un modo per dire "ehi! Sono qui anche dopo pugni ed insulti, io c'è l'ho fatta e sono ancora più forte!!!".

Il Rap è uno scudo, un' armatura con cui proteggersi e difendersi, ma anche una medaglia al valore da sbandierare, perché il Rap è il modo per dimostrare che non ci si è arresi di fronte a niente. Insomma, il rapper è il moderno guerriero raccontato da sempre nei miti, romanzi e favole ("Faccio la musica rap solo per sfogo" , 'Vita da cane').

E ad aprire il sipario e risalire sul ring a suon di beat e rime, è Mr Dailom,

artista ventottenne di Varese, che dopo "Sulle mie gambe", torna sulle scene con un nuovo album intitolato "Vita da cane", affiancato ancora una volta dall'etichetta Latlantide.

"Vita da cane" é un disco che va oltre la moda del momento, sorpassa il trap e mantiene influssi che vanno dall'R'n'b all'Hip Hop, sottolineando in questo modo l'importanza dell'indipendenza creativa.

Mr Dailom in questo nuovo album, ci parla della sua vita personale:i temi sono infatti più crudi e più descrittivi, su di una realtà percepita come oscura ,satura di inganni, insidie, dove s' insegue una soddisfazione istantanea ma effimera.

Ecco che, "Vita da cane", diventa il mezzo per esorcizzare le frustrazioni della vita quotidiana fatta di fatica, lavoro, sudore, delusioni...

Ma... in questo disco non c'è solo oscurità: traccia dopo traccia, viene lavata via la polvere della strada, lo sporco che ingorga la nostra coscienza, si smette di inseguire una felicità materiale e ci si libera da quell'inquinamento di città che intossica l'anima e il corpo, per rischiare la strada e noi stessi.

Mr Dailom ci invita a liberarci di quel collare che ci rende tutti uguali, ciechi, vuoti e schiavi ( "facciamo un vita da cani... per strada indossando collari" , 'Meridionali').

Questo collare può essere: la droga, il denaro,l'acool, il sesso, la voglia insaziabile di successo ,il mentire a se stessi negandosi un esistenza più vera...( "ti piacciono i soldi eh?! Per i soldi la gente si muove bene" in 'per i soldi', 'porno giapponesi', Questo locale sperduto fra è una porzione del mondo che mi circonda, la gente la sua finzione, la vita è una p***ana io raga son nato pronto ti do un bacio appassionato poi dopo presenta il conto" in 'pioggia viola') .

"Vita da cane" è un disco molto introspettivo e autobiografico, l'artista ci fa entrare nel suo mondo, ci fa camminare nei sobborghi, ci fa entrare nei locali e scopre il suo animo anche più vulnerabile: descrive le sue frustrazioni, delusioni ma anche le sue vittorie e conquiste, la sua rivincita e ci racconta con orgoglio quanto sia fiero della sua famiglia e delle sue origini.

Nella traccia d'apertura 'Fino a sanguinare' dice il rapper italiano io non lo rappresento", ma è solo perché Mr Dailomè già internazionale avendo Eminem come riferimento, la canzone 'Lose Yourself ' per esempio, dove il rapper statunitense scrive un inno di coraggio a non abbattersi di fronte alle difficoltà della vita, continuando a perseguire i propri sogni, nonostante le numerose difficoltà.

Il coraggio è una tematica che anche Mr Dailom in 'Gli occhi delle tigre' tratta, attraverso parole bellissime e toccanti,la

si potrebbe definire la ballad del disco, dove l'artista si mette a nudo,

descrivendo anche le sue fragilità : " Questa musica è la via è l'amore de mi vida, e quando sale la fatica combatto ogni giorno perchè ho gli occhi della tigre, quando smetto di soffrire combatto con il cuore di un re,combatto il mio stato emotivo per questo scrivo prendo foglio e biro ,mi assale la tristezza ma quando rimo ed incido sfogo tutto quel che ho dentro quello che vivo la sensibilità di un ragazzo non conta niente ,qua tutti amici nessuno lo è veramente, mi sento solo circondato dalle persone ..."

Dopo averci descritto il lato oscuro dell'essere umano, come un Mr Hide avaro ,avido,cinico...traccia dopo traccia, si ritrova un identità più autentica che, come una luce, rivela la nostra parte migliore e i veri valori; nel brano "Chi sono" Mr Daimon, scrive le sua biografia e parla di quanto sia importante la famiglia e che l'amore non è,come molti pensano, una forma di debolezza ma vince su tutto: " L'amore ti rende più forte per non mollare la presa","l'amore non è una sconfitta ma un sentimento vincente" e come ripete nel ritornello, possiamo dire che si, Mr Dailom, con questo nuovo album è senza dubbio: "Il prossimo futuro capo del suono".

A conclusione poi stupisce una traccia dalle sonorità quasi swing, ed è proprio qui che l'artista di Varese, sceglie di rilasciare il suo messaggio, come a donarci la chiave per aprire uno scrigno che contiene il tesoro più prezioso: " A volte è una vita da cane lo so bene ma dopo tutta questa sofferenza ho capito che l'importante non e lamentarsi l'importante è lottare per cambiare le cose l'importante è lottare col cuore,rimboccarsi le maniche e anche quando le cose si fanno difficili provare a sorridere perché in fondo la vita è un regalo bellissimo"

La vita non è solo oscurità, c'è la possibilità di camminare nella luce, basta percorrere la strada dell' amore,del coraggio,

basta avere la voglia di continuare a lottare...Ecco quindi che a fine album, Dailom possiede e ci dona questa consapevolezza , illuminandoci e lasciandoci un bellissimo consiglio: la vita è un regalo bellissimo per cui vale sempre la pena di sorridere.

Alice Bellin