LUX URBINATI CI PORTA TRA “LE ROTONDE DI RIMINI”

30.07.2018

E per ogni estate che chiama...ecco che un tormentone risponde...è il caso di Lux Urbinati, al secolo Luca Urbinati, che deve il suo nome d'arte al tentativo di non essere confuso tra i tanti omonimi che si trovano nella sua città (circa 8). La città in questione, non poteva essere che quella a cui la canzone fa riferimento, la bella e dispersiva Rimini, che tra le tante rotonde che occorre attraversare per arrivare al tanto agognato mare, ci rende partecipi di tutte le meraviglie e le attrazioni che il capoluogo romagnolo ci riserva ogni estate.

Tra migliaia di turisti che affollano le spiagge, vacanzieri impazienti di gettare il telone da mare tra la sabbia e bagnini superattenti appostati davanti la riva, ecco sopraggiungere tutta la carica di allegria e di spensieratezza di Lux Urbinati. "Tra le onde di Rimini, sulle spiagge di Rimini le rotonde di Rimini, cosa m'importerà bevo un altro mojito, scalzo al chiringuito lascio a casa i pensieri e alzo in aria le mani".

Un ritornello che già dal primo ascolto, volenti o nolenti, ci troviamo un po' tutti a cantare: presi dall'entusiasmo e dalla solarità che la voce sorridente di Luca, riesce a trasmetterci, non possiamo fare a meno di intonare il titolo della canzone, a rincorrere l'estate e il mare sullo sfondo del video. Un videoclip, che tra una scena e l'altra, non lascia scampo all'immersione in un contesto di puro divertimento e che ha superato in pochissimi giorni, le 105.000 visualizzazioni!

Niente di sorprendente, dal momento che, il cantautore romagnolo, nonostante la giovane età, è riuscito in meno di 4 minuti, a fondere il pop più ironico, con quella leggerezza che però non è mai superficialità: è estate e la gente vuole divertirsi, lasciarsi alle spalle la frenesia quotidiana e ogni incombenza, senza dimenticare però di usare la testa! Grazie ad un sapiente uso delle parole, collocate negli giusti spazi intermusicali e intervallate da un ritmo leggero, dove la vivacità è capace di disperdersi come le onde al largo del mare, Urbinati ci dirige tra queste rotonde e tratto dopo tratto, lascia che l'attesa e il viaggio, si a bello quanto l'arrivo a destinazione: "Dopo il casello di Rimini sud incontrerete l'unico semaforo di oggi a Rimini fotografatelo pure proseguite dritto fino alla prima rotonda in cui svoltate a sinistra e all'altra rotonda ancora a sinistra poi all'altra rotonda invece a destra finalmente vedrete i cartelli con scritto mare wooo ragazzi resistete ancora due rotonde, siete arrivati!"

Sonia Bellin